Tà Physikà ... le cose naturali
Tà Physikà ... le cose naturali

Laboratorio di Fisica

In tempi non lontani (2009), in dirittura d’arrivo delle attività di riordino della scuola superiore, il MIUR diffuse una proposta non definitiva sui “Risultati di apprendimento per i nuovi Istituti Tecnici”.
Nel documento si affermava: “... le indicazioni proposte partono non dai contenuti disciplinari, ma dal profilo dello studente in uscita dai percorsi quinquennali degli istituti tecnici ... in questa prospettiva le discipline sono intese come strumenti per la costruzione di competenze, abilità e conoscenze, in un quadro di crescita culturale, globale e progressiva dello studente”.
L’impostazione sembrò irreprensibile e completamente condivisibile.
Tuttavia, quando si passò alle linee guida relative alle discipline scientifiche, tutto l’impianto culturale-pedagogico crollò miseramente. E' stata tracciata una proposta enciclopedica che imita gli indici dei manuali di testo più diffusi, responsabili in gran parte della situazione drammatica dell’insegnamento scientifico nella scuola secondaria.
Anni di ricerca didattica e di sperimentazione, il contributo della psicopedagogia, l’elaborazione di molte commissioni degli ultimi decenni, hanno evidenziato che i risultati di apprendimento e le competenze indicate dal MIUR possono essere raggiunte soltanto con didattiche laboratoriali, insegnando “alcune cose bene e a fondo, non molte cose male e superficialmente: si deve avere il coraggio di scegliere di concentrarsi” (Commissione dei Saggi, 1997).
Le proposte enciclopediche non possono che tradursi in nozionismo insignificante e in modi didattici devastanti. “Investigare sui fenomeni e interpretare dati sperimentali” sono attività intrinseche al fare scienza che hanno bisogno di tempi distesi, possibili solo se si operano scelte rilevanti sui contenuti.
È andata persa l’occasione di cambiare il nostro modo d’insegnamento delle scienze, che poco o per niente s’incentra su fenomeni ed interpretazioni, e i cui unici strumenti sono ancora, troppo spesso, il manuale, il gesso e la lavagna.
Ancora una volta è stato dimostrato che le considerazioni sui risultati dell'apprendimento e sulle competenze sono soltanto “belle chiacchiere”, devono essere scritte perché questa è ormai da molto tempo la moda.
Le linee guida hanno riproposto un deludente concetto: l’idea di una scuola dell’attività piuttosto che dell’ascolto, di un insegnamento attivo che ha nel laboratorio, nell’osservazione e sperimentazione il suo momento fondamentale, ha un costo che questo stato non si é mai voluto permettere

Nelle pagine collegate, un po' di documentazione, relativa alle attività sperimentali abitualemente eseguite nel biennio degli istituti tecnici. 

 

"Non leggete per contraddire e confutare, né per credere e accettar per concesso, non per trovare argomento di ciarle e di conversazione ma per pesare e valutare".

(F. Bacon)

"Ci sono due modi di vivere la vita. Uno é pensare che niente é un miracolo. L'altro é pensare che ogni cosa é un miracolo".

(Albert Einstein)

IN EVIDENZA ...

SMART, smartphone e tablet nella didattica ...

(24 gennaio 2017) ... attività di formazione organizzata da AIF Brescia, col patrocinio dell'Università Cattolica .... Vai alla notizia

PROBLEMI, ESPERIENZE ED ESPERIMENTI

(28 novembre 2016) ...  L'Università Cattolica, in collaborazione con la sezione AIF di Brescia.... Vai alla notizia